Scoperta una vulnerabilità delle SIM Card che garantisce l’accesso al cellulare.

Sim Card

In due minuti un utente malintenzionato potrebbe riuscire a prendere il pieno possesso di un telefono cellulare e ascoltare le chiamate, inviare messaggi di testo ed effettuare pagamenti in mobilità.
Questo per via di una nuova vulnerabilità delle SIM Card scoperta da un ricercatore di sicurezza tedesco, problema che interesserebbe circa 750 milioni di carte SIM, ovvero una su quattro di tutte le schede SIM.

La vulnerabilità delle SIM Card, secondo il ricercatore ed esperto di crittografia Karsten Nohl, è dovuta al fatto che è possibile superare la cifratura utilizzata dagli operatori di telefonia più mobile di tutto il mondo, attraverso il semplice invio di un apposito messaggio di testo, per poi accedere al controllo del software installato sul cellulare .

In pratica all’utente malintenzionato basta inviare un messaggio di testo speciale al cellulare della vittima, e nel 25% dei casi il telefono che riceve il messaggio risponderà con un messaggio di errore che rivela la chiave di sicurezza a 56 bit della scheda SIM.
Il problema quindi interessa una Sim su 4, infatti la vulnerabilità riguarda solo le vecchie SIM con sistema di crittografia Standard, mentre le Sim più recenti che utilizzano i nuovi metodi di crittografia sono molto più sicure.

Nei test effettuati da Nohl su oltre 1.000 schede SIM, sono bastati circa 2 minuti per ottenere l’accesso ai cellulari.

Questa vulnerabilità delle SIM Card è appena stata scoperta e fortunatamente ancora non si è diffusa, ma se dovesse accadere allora probabilmente è consigliata la sostituzione della vecchia scheda Sim con una dotata della nuova crittografia.

Lascia un commento

Lascia una risposta

web development